Sistemi elettorali

Provinciali Pavia: un confronto

leave a comment »


In tabella, il confronto dei risultati provinciali di ieri (voto di lista) cogli esiti elettorali delle passate consultazioni.
Per una migliore visualizzazione cliccate sull’immagine.

Nelle tabelle seguenti, viene mostrata la variazione percentuale dei votanti di questa tornata elettorale in rapporto alle ultime tre consultazioni tenutesi in provincia. Il calo è evidente, sebbene per le provinciali occorra dire che si tratta di una elezioni generalmente poco partecipata.
La variazione in termini percentuali delle singole forze politiche è decisamente sensibile per il PDL.
In valore assoluto, è sempre il PDL che mostra la performance peggiore.

Variazione percentuali delle liste elettorali e della partecipazione al voto
Affluenza % votanti Delta affluenza PDL Lega PD IdV SEL UDC PRC+PDCI
Provinciali 2011 61,67% 273205
22,31% 22,10% 23,37% 3,78% 4,16% 3,83% 2,99%
Regionali 2010 64,93% 286910 -3,26 -8,07 -6,07 0,60 -1,89 3,16 0,36 0,61
Europee 2009 74,30% 325952 -12,63 -15,19 3,60 2,17 -2,52
-0,77 -0,11
Politiche 2008 83,31% 355594 -21,64 -15,75 5,51 -5,16 0,50
-0,08 0,11
Variazioni in valore assoluto delle liste elettorali
Affluenza votanti PDL Lega PD IdV SEL UDC PRC+PDCI
Provinciali 2011 273205 49.708 49.240 52.049 8.421 9.279 8.535 6.681
Regionali 2010 286910 -24.119 -19.210 -3.280 -5.375 6.831 97 880
Europee 2009 325952 -66.412 -8.203 -13.751 -11.012
-5.803 -2.821
Politiche 2008 355594 -81.321 -7.868 -46.155 -2.856
-4.916 -3.228

Nei grafici seguenti, l’andamento delle principali forze politiche del centro-sinistra e del centro-destra in provincia di Pavia. Ovviamente nel centro-destra pesa l’assenza di Poma che ha raggiunto il 9% circa.
Il PD si attesta appena sotto il 25% in lieve miglioramente rispetto alle ultime due consultazioni (europee 2009 e regionali 2010). Svetta SEL che sopravanza l’Italia dei Valori un po’ in affanno.
A destra, crollo del PdL ma risultato deludente anche della Lega che perde 6% rispetto alle regionali 2010. E’ pur vero che si tratta di elezioni diverse, ma ultimamente in Italia anche le consultazioni locali hanno assunto un significato altamente politico.

Nei due grafici che seguono il peso percentuale delle singole liste all’interno nelle due aree politiche. Come si vede, nell’ex Polo la Lega è ormai arrivata a contare per il 50%, dato in continuo miglioramento. Il Popolo della Libertà, invece, replica la performance delle regionali 2010. Da notare che, mediamente, il partito di Berlusconi, senza l’apporto di AN, riusciva a catalizzare il 60% circa del voto dei votanti di centrodestra.

A sinistra, invece, la fa da padrone il PD che pesa per il 65% circa dell’intero centro-sinistra, dato già confermato dalle precedenti elezioni. La perdita dell’IdV viene compensata dall’exploit di SEL. In generale, i “cespuglietti” di sinistra portano comunque una percentuale equamente distribuita (per comodità ho inserito anche PRC e PDCI che tuttavia dal 2008 in avanti si sono sempre presentati separati dal PD).

In ultimo, un confronto con le provinciali 2006. L’area di centro-destra rimane percentualmente invariata, ma questa volta con alcuni aspetti molto eterogenei:
– Poma e UDC che si sono presentati da soli e non si sa cosa faranno al ballottaggio
– gli ex AN non fanno più parte della coalizione
– la Lega assume, come detto, un peso importante nella coalizione

Written by sistemielettorali

17 maggio 2011 a 07:13

Pubblicato su elezioni

Tagged with

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: