Sistemi elettorali

Il Grande Gioco (P.Hopkirk)

leave a comment »


Oggi vorrei descrivervi un libro che sto leggendo e che tratta di un argomento storico molto interessante.

“Il Grande Gioco” di Peter Hopkirk
Cos’è il Grande Gioco?
Il termine Grande Gioco fu coniato nella prima metà del XIX secolo per definire lo strisciante conflitto, mai esplicito e fatto soprattutto di azioni spionistiche e di alleanze strategiche, tra Gran Bretagna e Russia per il controllo del Medio Oriente e dell’Asia centrale. L’origine del termine sembra sia da attribuire a un ufficiale dell’esercito britannico, Arthur Connolly, che lo utilizzò per primo. Negli ultimi anni, il termine è tornato in voga per identificare le azioni geopolitiche e militari di Stati Uniti e Russia per il controllo dell’area centro-asiatica, dalle ex-repubbliche sovietiche (Azerbaijan, Turkmenistan, Kazakistan, Kirghizistan e Tagikistan) fino ad Afghanistan e Pakistan.
Nonostante infatti Gran Bretagna e Russia fossero alleate contro il comune nemico di inizio ‘800, Napoleone, tra le due potenze si scatenò la lotta per il controllo degli immensi territori tra il confine meridionale dell’impero Russo (retto dapprima dallo zar Alessandro I e poi, alla sua morte, da Nicola I) e l’India britannica. Gli inglesi avevano l’obiettivo di creare un cuscinetto tra India e Russia, stringendo alleanze o, se necessario, conquistando i khanati dell’Afghanistan (in particolare Kabul, governata da Dost Mohammed, e Herat, minacciata dai Persiani) e quelli di Chiva e Buchara. L’obiettivo per i Russi, che dalla loro avevano nell’area già stretto alleanza con l’Impero Persiano, era quello di ridurre l’influenza politica britannica nell’area, per guadagnare nuovi territori verso Sud, nuovi mercati ed eventualmente uno sbocco marittimo diretto sull’Oceano Indiano.

Hopkirk descrive minuziosamente gli intricati giochi delle spie britanniche e sovietiche che, per primi, cominciarono a girare in lungo e in largo i paesi dell’Asia Centrale attraversando zone a quei tempi pericolosissime. Spie che si travestivano da finti archeologi, religiosi, scrittori, mercanti e che tentavano, a seconda delle zone visitate, di concludere la loro missione con salva la pelle. Era un’epoca, come detto, nella quale venire scoperti significava spesso morte sicura. Molti inglesi trovarono infatti la loro fine in Asia, come Connolly e Stoddart a Bukhara, per non parlare dell’invasione inglese in Afghanistan che, dopo la conquista iniziale, diventò un incubo per l’esercito britannico completamente sterminato da Dost Mohammed. Russia e Gran Bretagna si sfidavano, insomma, in una guerra giocata tutta sulla diplomazia, sul mettere zizzania tra le tribù asiatiche, sulla dissimulazione dei loro reali scopi. L’Asia era un immenso continente per molti versi ancora da scoprire ed entrambe le potenze ottocentesche non intendevano regalare territorio “vergine” a nessuno.
Questo senza dimenticare il panorama mondiale nel quale si incastonava la conquista dell’Asia Centrale: dalla guerra di Crimea, all’invasione russa in Turchia e nel nord dei balcani.
Il Grande Gioco in Italia è un argomento poco discusso, in quanto non ha visto la nostra nazione impegnata nel teatro asiatico, ma questo libro, edito per la prima volta nel 1990 (The Great Game – On secret service in high Asia) è imperdibile per tutti gli amanti della storia. Hopkirk infatti è vissuto a lungo in Asia come corrispondente del Daily Express e del Times e questa sua narrazione ci offre un vivido resoconto delle imprese di uomini come Burns, Vitchevich, Kinneir, Marvin, Cernjaev, Simonich, McNeill, Kaufman…

Per chi volesse ulteriormente approfondire l’argomento, segnalo qui una serie di volumi scritti dai diretti protagonisti del Grande Gioco:
– Abbott, Capt. James, “Narrative of a journey from Heraut to Khiva, Moscow and St Petersburg, during the late Russian invasion of Khiva, 1843
– Burnes, Sir Alexander, “Travels into Bokhara”, 3 voll., 1834
– Kaye, Sir John, “History of the war in Afghanistan”, 2 voll., 1851
– Kaye, Sir John, “Life and correspondence of major-general Sir John Malcolm”, 2 voll., 1856
– Kinneir, J.M., “Geographical memoir of the Persian Empire”, 1813
– Kinneir, J.M., “Journey through Asia Minor, Armenia and Koordistan in 1813-1814”, 1818
– Marvin, Charles, “The Russian advance towards India”, 1882
– Marvin, Charles, “Reconnoitring Central Asia”, 1884
– Masson, Charles, “Narrative of various journeys in Balochistan, Afghanistan and the Panjab, including a residence in those countries”, 3 voll., 1842
– Moorcroft, William e Trebeck, G., “Travels in the Himalayan provinces of Hindoostanand the Punjab”, 2 voll., 1841
– Muraviev, Nikolai, “Journey to Khiva through the Turkoman country”, 1871
– Pottinger, Lt. Henry, “Travels in Beloochistan and Sinde”, 1816

Written by sistemielettorali

30 gennaio 2010 a 21:19

Pubblicato su libri

Tagged with ,

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: