Sistemi elettorali

Nucleare in Italia

leave a comment »


Dopo aver approvato il disegno di legge Sviluppo 1441-ter a luglio di quest’anno sul ritorno del nucleare in Italia, il governo è ora chiamato a decidere argomenti di non poco conto. I criteri per la localizzazione delle future centrali, la tipologia, lo stoccaggio dei rifiuti, il deposito delle scorie e, last but not least, le compensazioni per i territori interessati.
Di certo c’è poco o nulla, se non una lista di siti che appaiono, fin da subito, come i più adatti per la costruzione delle nuove centrali.
Noi partiremo da lontano.
Vogliamo capire bene l’iter della legge approvata in Parlamento. Le posizioni espresse dalle forze politiche, i nodi (tanti) da sciogliere e, con non poca modestia, capire se il nucleare sia, oggi, una scelta giusta per il nostro paese. O, quantomeno, il male minore, considerando il fabbisogno energetico e le alternative che abbiamo di fronte.
Cercheremo anche di capire se il nucleare si sposi con il problema del surriscaldamento del nostro pianeta. Se esso possa essere una soluzione o se invece sia una soluzione che rallenti la ricerca e lo sviluppo di altre tecnologie che possano garantire una riduzione delle emissioni in maniera più veloce e più economica.
Non abbiamo, lo dico subito per sgombrare il tavolo da false insinuazioni, una posizione preconcetta.
Anzi, partiamo oggi senza sapere ciò che ci attende, senza avere idea di come sarà il finale di questa ricerca.
Quel che è certo è che vogliamo ascoltare le voci di tutti, dei favorevoli al nucleare così come dei contrari.
E ora, mettiamoci al lavoro…

Cominciamo a vedere come si sono schierate le forze politiche.

Per quanto riguarda la legge 1195-B: Legge per lo sviluppo e il ritorno dell’Italia al nucleare – Legge 99/2009, Disposizioni per lo sviluppo e l’internazionalizzazione delle imprese, nonché in materia di energia, divenuta legge il 9 luglio 2009 in Senato (firmatari Scajola, Brunetta, Tremonti, Sacconi, Alfano, Calderoli):
– approvato dalla Camera il 04/11/2008: presenti 403 (64%), favorevoli 232 (PdL 190, Lega Nord 41, Misto 1), contrari 164 (PD 135, IdV 21, PdL 1, Misto 7), astenuti 7 (Misto 2, PD 2, PdL 1, UdC 2). I 4 parlamentari “ribelli”: Agostini e Ghizzoni del PD che si sono astenuti, Mussolini della PdL contraria, Rampelli del PdL astenuto). Fonte: http://parlamento.openpolis.it/votazione/22214
– al Senato, presenti 157 (48,8%), favorevoli 154 (PdL 129, Lega Nord 23, Misto 2), contrari 1 (Adriana Poli Bortone), astenuti 1 (Helga Thaler Ausserhofer). Gli altri assenti.
Fonte: http://parlamento.openpolis.it/singolo_atto/39816

Infine, il voto dei parlamentari pavesi:
Camera: Abelli assente, Nola favorevole,  Zucchi contrario.
Senato: Bosone assente, Mura favorevole

A presto!

 

Written by sistemielettorali

28 novembre 2009 a 22:21

Pubblicato su Attualità, nucleare

Tagged with

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: