Sistemi elettorali

Albania, proiezioni danno partito al governo in vantaggio

with one comment


Voto Albania, proiezioni danno partito al governo in vantaggio

di Benet Koleka  (Il Manifesto)

TIRANA (Reuters) – La coalizione al governo in Albania è in vantaggio di cinque seggi rispetto all’opposizione oggi, dopo il conteggio di oltre due terzi dei voti in un’elezione che, secondo gli osservatori internazionali, non è stata completamente regolare. Il conteggio è rallentato durante la notte, mentre il partito Socialista all’opposizione di Edi Rama e il partito Democratico del primo ministro Sali Berisha si scambiavano accuse di intimidazione nei centri in cui si votava. La Missione Internazionale per l’Osservazione delle Elezioni ha dichiarato che sono stati registrati dei progressi rispetto alle votazioni precedenti, ma che l’Albania deve fare di più per rispettare gli standard. Unione europea e Stati Uniti vedono queste elezioni come un test per valutare la maturità democratica dell’Albania e la sua idoneità a far parte del blocco europeo. La presidenza di turno svedese all’Ue valuterà nuovamente la candidatura dell’Albania alla luce del rapporto finale degli osservatori sulle elezioni. Un rappresentante di un piccolo partito ha dichiarato che sono stati rubati dei voti. “Il mio voto e quello di mia moglie non figurano nelle registrazioni dei voti”, ha detto Gilman Bakalli, del partito polo della Libertà. “Anche i voti del mio staff e dei miei parenti sono andati persi”. Dopo lo scrutinio del 73,65% dei voti, la coalizione guidata dai democratici di Berisha si è aggiudicata 71 seggi contro i 66 della coalizione condotta dai socialisti. La coalizione Integrazione Socialista ha ottenuto tre seggi. I Socialisti hanno ricevuto il 40,9% dei voti, mentre i Democratici hanno ricevuto il 39.97%. Il numero dei seggi ottenuti verrà ricalcolato dopo il conteggio di tutti i voti in base al sistema proporzionale regionale, applicato per la prima volta in queste elezioni. “Se il conteggio va avanti a questa velocità, penso che sarà finito entro mezzogiorno, tranne che in due centri, a meno che il processo venga bloccato”, ha detto Leonard Olli , portavoce della Commissione Centrale per le Elezioni (Cec). L’Albania ha firmato un accordo di associazione con l’Unione europea nel giugno 2006, e si è candidata all’ingresso nel blocco in aprile 2009, ma l’Ue afferma che il Paese deve mettere in atto una serie di riforme. Olli Rehn, commissario Ue per l’Allargamento, e funzionario incaricato alle trattative con l’Albania, ha detto ieri che il Paese dovrà fare di meglio nella gestione delle elezioni in futuro, e ha parlato di violazioni delle procedure.

Written by sistemielettorali

30 giugno 2009 a 13:16

Una Risposta

Subscribe to comments with RSS.

  1. 01.07.2009,12:06 – Elezioni Albania: conteggio dei voti verso la fine, nessuna coalizione ha la maggioranza

    Tirana – Continua sempre più a rilento il processo di conteggio, spesso bloccato per vari motivi, e in alcuni casi accompagnato da tensione, avvicinando sempre più alla fine. In realtà sono rimaste da aprire meno del 5 per cento dei voti, e stando agli ultimi aggiornamenti, poco più di 50 scatole. La battaglia si concentra su una serie di distretti, come Scutari, Berat, Tirana, Elbasan e Lezhe. Finora nessuna coalizione ha una maggioranza sufficiente per formare il Governo, considerando che la coalizione “Alleanza per il Cambiamento” guidato dal Partito Democratico di Sali Berisha ha ottenuto 70 mandati, l’Unione per il Cambiamento guidato dal Partito Socialista ha 66 mandati e la Coalizione di Alleanza Socialista per l’Integrazione ha 4 mandati.
    In questi ultimi scorci, sembra che il Movimento Socialista per l’Integrazione si avvia verso la vittoria di un altro mandato nel distretto di Tirana, ossia quello del Presidente di partito, Ilir Meta. Secondo i dati preliminari della Commissione Centrale Elettorale (KQZ), la coalizione del LSI sta attraversando il confine del 5 per cento che dà il mandato a Meta. Sino a poche ore fa, un’altra novità aveva scosso lo spoglio, con la perdina di un seggio a Fier per il PDI (Partito per la Giustizia e l’Integrazione), che aveva vinto un mandato a Valona. Il partito, in un comunicato stampa, ha chiesto che venga contato ancora una volta i voti del seggio di Fier, e ha minacciato il Partito Democratico che, qualora non risponde a tale richiesta, il partito riconsidererà la sua posizione nella coalizione Alleanza per il Cambiamento.

    sistemielettorali

    1 luglio 2009 at 15:27


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: