Sistemi elettorali

Archive for aprile 2008

Korea – legislative 8 aprile 2008

with one comment

REPUBLIC OF KOREA
LEGISLATIVE ELECTION OF 9 APRIL 2008
==================================================================================
Elections to the Kuk Hoe (National Assembly)
Source: Chosun Ilbo newspaper website

The National Assembly consists of 245 members elected from single-seat
constituencies and 54 members elected by proportional representation. 

NATIONAL SUMMARY OF VOTES AND SEATS
==================================================================================
These figures are the votes cast for the members elected by proportional
representation. They are unofficial and may not be final.
----------------------------------------------------------------------------------
Registered voters:         37,796,035
Votes cast:                17,389,206  46.0
Invalid votes                 205,497  01.2
Valid votes                17,183,709  98.8
----------------------------------------------------------------------------------
Party                      Votes       %            Seats 1  Seats 2   Total
----------------------------------------------------------------------------------
Creative Korea Party          651,980  03.8            1        2         3
Democratic Labour Party       973,394  05.6  -07.4     2        3         5   -05
Grand National Party        6,421,654  37.4  +01.6   131       22       153   +32
Liberty Forward Party       1,173,452  06.8           14        4        18
Park Geun-hye Coalition     2,258,726  13.1            6        8        14
United Democratic Party     4,313,111  25.1  -20.3    66       15        81   -80
Independents                1,391,392  08.1           25        -        25
----------------------------------------------------------------------------------
Total                      17,183,709                245       54       299
----------------------------------------------------------------------------------
Seats 1 = the single-seat constituencies.
Seats 2 = the seats filled by proportional representation

In 2004 the Our Open Party polled 38.3 and the Millenium Democratic Party polled
7.1, a total of 45.4%, and won 161 seats between them. The United Democratic Party
is a merger of these parties, and its votes and seats are compared with their
combined totals in 2004.

The Park Geun-hye Coalition is a breakaway from the Grand National Party, led by
former chairwoman Park Geun-hye.

The Electoral System of the Sixth Republic

Any Korean citizen over 20 who is registered in the electoral roll by the local

government is entitled to vote. Suffrage is universal, equal, direct and secret.

Elections are held for the president of the Republic of Korea and the National

Assembly.9 Since the early 1990s, elections have also been held at local and

provincial levels. The regular term of office for the president is five years without

re-election and four years for the National Assembly (no term limits). In order to

be eligible for the presidency citizens must be at least 40 years old, have resided

in the country for at least five years and qualify as eligible members of the

National Assembly. They may run as party candidates or as independents. An

independent candidate needs the support of 2,500-5,000 electors, among whom

not more than 500 may live in the same city or province. A public official who

wants to register as a candidate must resign from his/her post 90 days before

the date of the elections.

In parliamentary elections, candidates may be recommended either by a political

party or by electors (independent candidates). Independent candidates need

the recommendation of 300-500 electors. Candidates in the national constituency

can only run as party candidates on a party’s list. Candidates who apply for 
registration have to pay a deposit of 10 million Won (approximately US$8,300

in 2001). The money is returned if the candidate receives at least half of the

quota obtained from dividing the total number of valid votes by the number of

candidates (local constituency), or if at least one of the candidates on the list

concerned is elected (national constituency).

The electoral system used in presidential elections is a first-past-the-post system

(Korea Legislation Research Institute, 1998: Article 187). In legislative elections

a segmented system is used. The electoral system applied in 1988 and in 1992

was similar to the systems used in 1985: three quarters of the seats were elected

by plurality in SMCs, while one quarter was allocated proportionally in one

national constituency. If one party wins at least half of the popularly elected

seats, it is automatically entitled to two thirds of the seats on the national list; if

it gains less, the strongest party is still awarded half of the national list seats. In

the Fifteenth National Assembly election (1996), 253 seats were elected in SMCs.

The remaining 46 seats (15 per cent) were allocated proportionally to the parties

that had obtained at least 5 per cent of the total valid votes/seats in SMCs,

while the special seat bonus for the largest party was abolished (Korea

Legislation Research Institute, 1998: Article 189).

In the Sixteenth National Assembly elections in April 2000, the total number of

seats was reduced to 273. While 227 seats were distributed via plurality in

SMCs, 46 seats were allocated through proportional representation to closed

and blocked party lists in one national constituency. The proportional seats

are distributed among the parties which have obtained either a minimum of

five seats in the SMCs plurality contests or 5 per cent of the total national valid

vote in the 227 SMCs. Finally, there is a different threshold for those parties that

receive between 3 and 5 per cent of the national valid vote (Korea Legislation

Research Institute, 1998: Article 189). Each of these parties is granted one seat

before the allocation of the remaining proportional seats begins according to

the Hare quota formula and the method of the largest remainder. Candidates in

SMCs can be nominated by political parties or the candidates themselves, i.e.

independent candidates without any official party affiliation are allowed to

participate in the SMC plurality contests. In fact, independent candidatures

are frequent and also quite successful. Table 4 provides a summary report of

the electoral system used in legislative elections in terms of its key attributes.

While some minor changes concerning assembly size, district magnitude and

number of districts were made, the fundamentals have remained unchanged

since 1988.

 




Written by sistemielettorali

24 aprile 2008 at 22:50

Pubblicato su Attualità

Tagged with , ,

Indici di proporzionalità

leave a comment »

Ogni sistema elettorale ha un suo potenziale distorsivo. Non basta dire che il plurality o il majority sono più distorsivi di un proporzionale calcolato col metodo Hare. Occorre anche misurare questa distorsività, meglio detto grado di disproporzionalità.
Negli ultimi decenni abbiamo assistito ad una serie di tentativi, più o meno fortunati, di introdurre una formula in grado di aiutarci in tal senso.
Scorriamone alcune.

INDICE DI RAE

E’ il più vecchio indice di disproporzionalità ed è stato proposto da Rae (1967). Esso utiliza la media delle deviazioni. Infatti, somma le differenze assolute tra percentuale di voti (v) e percentuale di seggi (s) ed il risultato viene diviso per il numero di partiti politici (n):

Il problema con questo indice è che esso è molto sensibile alla presenza di partiti piccoli. Con la presenza di questi ultimi, l’indice di rae sottostima la reale disproporzionalità del sistema politico. Facciamo un esempio. Supponiamo che abbiamo solo due partiti politici. Il partito A con una percentuale di voti uguale al 69,96 e il partito B con una percentuale di voti del 30,04. Supponiamo anche che la percentuale di seggi sia 53 per il primo partito e 25 per il secondo. In questo caso, l’indice proposto da Rae è I=7,5. L’esistenza di un terzo partito molto piccolo con una percentuale di voti pari all’1% e di seggi pari a zero, riduce l’indice di Rae al 5,3. Quindi, c’è un notevole decremento dell’indice, che significa risultati maggiormente proporzionali, semplicemente a causa di un partito molto piccolo. Inoltre, l’esistenza di altri piccoli partiti con percentuali di voti molto basse e nessun seggio conseguito provoca un ulteriore decremento dell’indice di Rae. Questo è il caso delle elezioni parlamentari greche, in quanto esse sono contraddistinte dalla folta presenza di forze politiche piccole che non ottengono seggi in parlamento. L’indice di Rae ha la tendenza a sottostimare la disproporzionalità dei sistemi proporzionali con molti partiti piccoli. La differenza del valore dell’indice nei primi due casi è abbastanza grande, sebbene la differenza reale sia dovuta all’esistenza di un solo partito politico molto piccolo. Proprio per evitare tale problema, Rae esclude dal suo studio i partiti piccoli, prendendo in considerazione le forze politiche che abbiano ottenuto almeno il 5% dei voti. Di più, egli considera tutti i piccoli partiti come “altri” nei suoi studi statistici.

INDICE DI LOOSEMORE-HANBY

Questo è un indice che evita gli svantaggi di quello di Rae e fu proposto da Loosemore ed Hanby nel 1971. L’indice è diventato il più utilizzato per misurare la disproporzionalità. Questo indice (L-H) è ottenuto dalla somma delle differenze assolute tra percentuale di voti (v) e percentuale di seggi (r), così come nell’indice di Rae, ma ora la somma è divisa per due anziché per il numero (n) di partiti politici. Quindi, la formula viene così rappresentata:

Mackie e Rosa (1982, 1991) hanno sottrato D da 100 e hanno chiamato il risultato ottenuto “indice di proporzionalità”.

E’ ovvio che, eccetto i casi di sistemi bipartitici (n=2), dove otterremo lo stesso risultato utilizzando sia l’indice di Rae sia il Loosemore-Hanby, per il resto l’indice L-H ci dà più alti valori che quello di Rae.

Per n>2, avremo che LHI>I. Quindi, l’indice Loosemore-Hanby ci ritornerà sempre valori più elevati dell’indice di Rae. Nell’esempio precedente, la differenza tra i primi due casi è rappresentata in maniera più soddisfacente come l’indice sale. Il vantaggio di tale indice è che esso non deve disaggregare i partiti piccoli come nel caso elaborato da Rae. In contrasto con Rae, questo indice tenta infatti di misurare la disproporzionalità totale per partito.

L’indice L-H può però generare altri paradossi. Supponiamo che ci siano 90 votanti, 2 seggi da distribuire e 2 partiti, A e B, che ottengano rispettivamente 68 e 22 voti. Nel caso di un sistema elettorale Hare, vengono assegnati due seggi al partito A, poiché la quota Hare è uguale a 45. Quando viene applicato il Saint Lague, il risultato sarà lo stesso. In entrambi i casi, l’indice L-H sarà uguale a 0,25. Supponiamo che intervenga un terzo partito C che ottenga 10 voti: significa che la distribuzione dei seggi diventerà 68-22-10. In questo caso, il sistema Hare assegnerà il primo seggio al partito A ed il secondo seggio a B. Con il sistema Saint Lague, la distribuzione rimarrà invece 2-0. L’indice L-H sarà uguale a 0,3 nel caso Hare e 0,32 nel sistema Saint Lague.

In questo esempio, l’indice L-H mostra che l’allocazione meno disproporzionale in caso di 90 votanti è 2-0, ma 1-1 è la meno disproporzionale in caso di 100 votanti. Questo indice segue sempre pedissequamente, per definizione, il metodo dei più grandi resti.

Sebbene questo metodo sia semplice da comprendere, esso è decisamente indebolito dalla sua vulnerabilità verso i paradossi. Questo ed altri dubbi hanno portato allo sviluppo di altri indici differenti.

Indice del Quadrato minore o Least Square Index (Gallagher)

Sebbene la proposta di Rae rappresenti una buona idea, essendo ragionevole che la differenza voti-seggi non è sufficiente da sola a trasmettere un’informazione affidabile sulla proporzionalità dei risultati elettorali, noi vogliamo saperne di più su come questa somma viene ottenuta. Deriva da molti partiti ognuno avente una bassa differenza voti-seggi, oppure da pochi partiti aventi una differenza maggiore? Questa soluzione è stata data da Gallagher (1991) con l’introduzione dell’indice del quadrato minore. La caratteristica principale è che esso registra poche grandi deviazioni in maniera molto più sensibile che molte piccole deviazioni.

Per comprenderne meglio il funzionamento, presentiamo il seguente esempio.

Consideriamo due elezioni (a) e (b). Nell’elezione (a) ci sono solo due partiti: il primo ottiene il 60% dei voti e il 64% dei seggi. Il secondo il 40% dei voti e il 36% dei seggi. Nell’elezione (b), abbiamo 8 partiti: quattro ottengono il 15% dei voti e il 16% dei seggi, mentre gli altri quattro ottengono il 10% dei voti e il 9% dei seggi. In base all’indice Loosemore-Hanby queste due elezioni hanno lo stesso valore di disproporzionalità uguale a 4.

Quindi, in questo caso, l’indice è insensibile in relazione al numero dei partiti. La misurazione di Rae dà la prima elezione meno proporzionale (I=4) rispetto alla seconda (I=1). Prendendo in considerazione l’idea di Rae senza considerare il problema suddetto, Gallagher (1991) offre la seguente soluzione: il metodo dei quadrati minori. Esso è ampiamente utilizzato nelle scienze sociali. Questo indice consiste nell’elevare al quadrato la differenza voti-seggi per ogni partito, sommare questi valori, dividendo la somma ottenuto per due e calcolandone infine la radice quadrata:

Questa formula ci dà un indice che misura la disproporzionalità per elezione piuttosto che per partito e va da 0 a 100.

Un altro modo di interpretare ciò che fa questo indice è che esso pesa le deviazioni diversamente, dando più peso alle più grandi che alle piccole.

Nel caso di soli 2 partiti, questo indice ci ritorna esattamente gli stessi valori di Rae e Loosemore-Hanby.

In altre situazioni, esso dà un valore medio tra Rae e L-H.

Lijphart (1994) descrive questo indice come il “più fedele riflesso della disproporzionalità dei risultati elettorali”.

LOOSEMORE-HANBY CORRETTO (INDICE DI GROFMAN)

Indice suggerito da Grofman (1985) e che rappresenta un altro sforzo per trovare una via di mezzo tra gli indici di Rae e Loosemore-Hanby.

La differenza dall’indice di Rae è che esso divide l’ammontare totale della disproporzionalità per il numero effettivo di partiti (N) piuttosto che per il reale numero di partiti (n). Il numero effettivo di partiti (N) pesa i partiti per la loro dimensione relativa e quasi sempre assume un valore tra 2 e il numero grezzo dei partiti.

Consideriamo il seguente esempio. In un’elezione partecipano 3 partiti. Ipotizziamo due risultati: 1 – tutti i partiti ricevono circa 1/3 dei voti; 2 – due partiti ottengono il 49% dei voti mentre il terzo ottiene il 2%.

Come vediamo, in entrambi i casi abbiamo tre partiti. Ma, mentre nel caso 1 essi si equivalgono, nel caso 2 il partito col 2% è considerevolmente più debole degli altri due. Così, il problema è saper distinguere situazioni come queste. Si è trovata una soluzione introducendo l’indice dell’effettivo numero di partiti. La formula è:

Nell’esempio appena descritto, nel caso 1 avremo E=3, mentre caso 2 avremo E=2,08
Così, si può notare che questo indice è uguale al numero dei partiti nel primo caso quando essi ottengono lo stesso numero di voti.
Allo stesso modo, nel secondo caso quando il secondo partito è molto più debole degli altri, il suo contributo al risultato elettorale diventa insignificante e il valore dell’indice è molto più basso. Quindi, l’indice mostra il numero effettivo di partiti che concorrono all’assegnazione dei seggi in parlamento.
E’ possibile ora implementare la proprietà dell’indice di Rae già discusso. Sostituendo il numero dei partiti “n” con il loro numero effettivo “E”, otterremo un indice maggiormente disproporzionale chiamato Indice di Grofman.

INDICE DI LIJPHART

Lihphart (1994), oltre agli indici appena descritti, introduce nel suo studio un altro indice.

Molto semplicemente, utilizza la deviazione più grande nel risultato elettorale in quanto indice generale di disproporzionalità. La deviazione più grande proviene dalla percentuale di sovrarappresentazione del partito più sovrarappresentato, e questo è solitamente uno dei partiti maggiori. Quindi, l’indice è dato da: max |vi – si|

Dove “vi” è la percentuale totale dei voti per il partito maggiormente sovrarappresentato e “si” è la percentuale totale di seggi conseguiti da partito maggiormente sovrarappresentato. Il valore minimo della misuta è uguale a zero e ciò avviene nel caso di perfetta proporzionalità del partito maggiormente sovrarappresentato.

Lijphart sostiene che il punto a favore dell’indice è che esso non solo ha senso ma che è la più semplice soluzione possibile per misurare la disproporzionalità. L’idea proviene dal fatto che la discrepanza tra Rae e Loosemore-Hanby può essere diluita facendo la media delle differenze seggi-voti dei partiti maggiori. Per esempio, i partiti che ottengono più del 5 o 10 percento dei voti. Per poter applicare questa misura in differenti elezioni e in sistemi bipartitici/multi-partitici, Lijphart prende in considerazione i 2 partiti maggiori.

Quindi egli mantiene questa linea di ragionamento per il passaggio successivo, usando semplicemente la maggiore deviazione, in un risultato elettorale, come indice generale di disproporzionalità.

INDICE SAINT LAGUE

Questo indice appartiene alla sfera degli indici che si focalizzano non sulle differenze assolute tra voti e seggi per ogni partito, ma sulla ratio tra seggi e voti dei partiti, come fanno i metodi delle medie più alte.

La relazione tra misure di rapporto e formule elettorali delle medie più alte può essere illustrata rappresentando il concetto di disproporzionalità che la formula Saint Lague tenta di minimizzare, ed essa si definisce nel modo seguente.
Per ogni partito calcoliamo la differenza si/vi – TS/TV, dove “vi” è il numero totale dei voti del partito “i”, “si” è il numero totale di seggi conseguito dal partito “i”, TV è il numero totale di voti e TS il numero totale di seggi. Quindi la differenza va elevata al quadrato e il risultato è pesato dalla dimensione del partito.

L’indice si ottiene semplicemente sommando i termini di errore per ogni partito. Quindi, l’indice è dato da:

Dove “v” è la percentuale totale di voti e “s” la percentuale totale di seggi. Esso differisce dagli indici precedenti in quanto utilizza la differenza relativa tra percentuali di seggi e voti dei partiti e non la differenza assoluta. L’indice Saint Lague è una misuta il cui valore minimo è zero, in caso di piena proporzionalità, e il cui valore massimo è infinito, quando un partito con nessun voto ottiene in qualche modo un seggio.

Il range di questo indice lo rende molto meno facile da interpretare.

INDICE D’HONDT

L’obiettivo della formula d’Hondt è mantenere su valori minimi la sovrarappresentazione dei partiti maggiormente sovrarappresentati. Di conseguenza, se deve esserci un indice d’Hondt, esso dovrà essere semplicemente questo: rapporto tra la percentuale di seggi e la percentuale di voti del partito maggiormente sovrarappresentato. Quindi, esso è dato da:

, dove “v” è la percentuale totale di voti per il partito più sovrarappresentato e “s” è la percentuale totale di seggi conseguiti dal partito più sovrarappresentato. Il valore minimo sarà 1 nel caso di piena proporzionalità, il massimo sarà infinito, così come nel caso precedente.

Lo svantaggio di questo indice è che esso fornisce risultati inattendibili nel caso in cui piccoli partiti ottengano un qualche grado di sovrarappresentazione. Per esempio, nelle elezioni politiche italiane del 1983, l’Union Valdoteine con lo 0,076% di voti, ottenne lo 0,159% dei seggi in parlamento.

L’indice d’Hondt è uguale a 2,085 , un valore che rende questa elezione più disproporzionale della situazione reale. Comunque, nella maggior parte dei casi il partito in questione è il più grande e quindi l’indice dà risultati attendibili. Se il partito più sovrarappresentato è un partito piccolo noi possiamo raffinare l’indice usando una soglia del 5 o 10 percento.

L’indice è stato usato da Taagepera e Laakso (1980) e da Katz (1984).

INDICE DI RAPPRESENTANZA RELATIVA

Consideriamo una situazione nella quale alcuni partiti non ottengano alcun seggio in parlamento. Introduciamo un indice che possa descrivere la rappresentanza delle elezioni come segue:

E’ necessario sottolineare che la sommatoria riguarda solo i primi N partiti, che ricevono seggi in parlamento. L’indice di Rappresentanza Relativa R mostra quanta percentuale di seggi è assegnata in abse alla media di ogni partito per l’1% dei voti. Per esempio, se R=1,5 significa che quel partito ottiene il 20% dei voti e riceverà approssimativamente il 30% dei seggi. Da notare, quindi che, come l’indice D’Hondt, assumiamo che il parlamento più soddisfacente agli interessi degli elettori sia quello dove R è vicina al valore 1(altri considerano un indice ottimale il valore zero).

Es. Senato Lombardia, politiche 2008 (clicca per la visualizzazione)

Written by sistemielettorali

17 aprile 2008 at 22:26

Elezioni politiche 2008 Senato – Italia

leave a comment »

Capo Coalizione
Liste Voti % Seggi
o Singola Forza Politica
 
SILVIO BERLUSCONI IL POPOLO DELLA LIBERTA’ 12.510.306 38,17% 141
  LEGA NORD 2.642.167 8,06% 25
  MOVIMENTO PER L’AUTONOMIA ALL.PER IL SUD 355.076 1,08% 2
  Totale Coalizione 15.507.549 47,32% 168
         
WALTER VELTRONI PARTITO DEMOCRATICO 11.042.325 33,70% 116
  DI PIETRO ITALIA DEI VALORI 1.414.118 4,32% 14
  Totale Coalizione 12.456.443 38,01% 130
         
PIER FERDINANDO CASINI UNIONE DI CENTRO 1.866.294 5,69% 3
         
FAUSTO BERTINOTTI LA SINISTRA L’ARCOBALENO 1.053.154 3,21%
         
DANIELA GARNERO SANTANCHE’ LA DESTRA – FIAMMA TRICOLORE 687.211 2,10%
         
ENRICO BOSELLI PARTITO SOCIALISTA 284.428 0,87%
         
MARCO FERRANDO PARTITO COMUNISTA DEI LAVORATORI 180.454 0,55%
         
FLAVIA D’ANGELI SINISTRA CRITICA 136.396 0,42%
         
STEFANO MONTANARI PER IL BENE COMUNE 105.937 0,32%
         
STEFANO DE LUCA P.LIBERALE ITALIANO 100.721 0,31%
         
ROBERTO FIORE FORZA NUOVA 85.630 0,26%
         
BRUNO DE VITA UNIONE DEMOCRATICA PER I CONSUMATORI 77.725 0,24%
         
RENZO RABELLINO LISTA DEI GRILLI PARLANTI 49.476 0,15%
         
GIORGIO VIDO LIGA VENETA REPUBBLICA 47.677 0,15%
         
EVA ROSSI LEGA PER L’AUTONOMIA ALL.LOMB. LEGA PENS 45.622 0,14%
         
SERGIO RIBOLDI M.E.D.A. 20.029 0,06%
         
GIACOMO SANNA PS D’AZ. 15.292 0,05%
         
ANTONIO POTENZA POPOLARI UNITI 12.388 0,04%
         
DOMENICO SAVIO P.COM.MARX-LEN. 8.078 0,02%
         
GIANFRANCO VESTUTO LEGA SUD 7.119 0,02%
         
BUSTIANU CUMPOSTU SARDIGNA NATZIONE 6.966 0,02%
         
GIORGIO GALLI FRONTE INDIPENDENTISTA LOMBARDIA 5.249 0,02%
         
CARLO COVI L’INTESA VENETA 4.275 0,01%
         
ANTONIO CIANO PARTITO DEL SUD-ALLEANZA MERIDIONALE 3.736 0,01%
         
GIUSEPPE QUARANTA SUD LIBERO 1.776 0,01%
         
ANTONIO PIARULLI MOVIMENTO P.P.A. 1.602 0,00%
         
  Totale 32.771.227   301

Written by sistemielettorali

15 aprile 2008 at 22:42

Elezioni politiche 2008 Camera – Italia

leave a comment »

Camera 2008

Lista Voti % Seggi
IL POPOLO DELLA LIBERTA’ 13.628.865 37,39 272
LEGA NORD 3.024.522 8,3 60
MOVIMENTO PER L’AUTONOMIA ALL.PER IL SUD 410.487 1,13 8
TOTALE COALIZIONE – SILVIO BERLUSCONI 17.063.874 46,81 340
PARTITO DEMOCRATICO 12.092.998 33,17 211
DI PIETRO ITALIA DEI VALORI 1.593.675 4,37 28
TOTALE COALIZIONE – WALTER VELTRONI 13.686.673 37,54 239
UNIONE DI CENTRO 2.050.319 5,62 36
TOTALE COALIZIONE – PIER FERDINANDO CASINI 2.050.319 5,62 36
LA SINISTRA L’ARCOBALENO 1.124.418 3,08
TOTALE COALIZIONE – FAUSTO BERTINOTTI 1.124.418 3,08
LA DESTRA – FIAMMA TRICOLORE 885.229 2,43
PARTITO SOCIALISTA 355.581 0,98
PARTITO COMUNISTA DEI LAVORATORI 208.394 0,57
SINISTRA CRITICA 167.673 0,46
SVP 147.666 0,4 2
ASS.DIFESA DELLA VITA ABORTO?NO,GRAZIE 135.578 0,37
PER IL BENE COMUNE 119.420 0,33
FORZA NUOVA 108.837 0,3
P.LIBERALE ITALIANO 103.760 0,28
UNIONE DEMOCRATICA PER I CONSUMATORI 91.486 0,25
LISTA DEI GRILLI PARLANTI 66.844 0,18
LIGA VENETA REPUBBLICA 31.353 0,09
DIE FREIHEITLICHEN 28.347 0,08
M.E.D.A. 16.449 0,04
PS D’AZ. 14.856 0,04
LEGA PER L’AUTONOMIA ALL.LOMB. LEGA PENS 14.003 0,04
UNION FUR SUDTIROL 12.836 0,04
SARDIGNA NATZIONE 7.182 0,02
LEGA SUD 4.346 0,01
L’INTESA VENETA 2.388 0,01
PARTITO DI ALTERNATIVA COMUNISTA 2.049 0
IL LOTO 1.799 0
MOVIMENTO P.P.A. 945 0
TOTALE altri 6,92 2

Written by sistemielettorali

15 aprile 2008 at 20:10

Pubblicato su Uncategorized

Elezioni politiche 2006 Senato – Italia

leave a comment »

Partiti Voti % Seggi
Democratici sinistra
5.977.313 17,2 62
DL. La Margherita
3.664.622 10,5 39
Rifondazione Comunista
2.518.624 7,2 27
Insieme con l’Unione
1.423.226 4,1 11
Di Pietro Italia dei Valori
986.046 2,8 4
La Rosa nel Pugno
851.875 2,4
Udeur Popolari
476.938 1,4 3
Partito Pensionati
357.731 1,0
L’Unione – SVP
198.153 0,6 3
Socialisti Craxi
126.625 0,4
Svp
117.500 0,3 2
Alleanza lombarda
90.943 0,3
Lista Consumatori
72.139 0,2 1
L’Ulivo
59.499 0,2 1
Socialdemocrazia
57.339 0,2
Repubblicani Europei
51.001 0,1
Autonomie Liberté Democratie
32.553 0,1 1
L’Unione
27.629 0,1
Vallée d’Aoste
23.573 0,1
Liga Fronte Veneto
23.209 0,0
Dc uniti
5.399 0,0
Totale Unione – Prodi 17.141.937 49,2 154
Forza Italia
8.201.688 23,6 78
Alleanza Nazionale
4.234.693 12,2 41
Udc
2.311.448 6,6 21
Lega Nord
1.531.939 4,4 13
Fiamma Tricolore
219.707 0,6
Alter. Soc. Mussolini
215.392 0,6
Dc-Nuovo Psi
190.724 0,6
Casa delle libertà
175.137 0,6 2
Pensionati uniti
61.824 0,2
Partito Repubblicano Italiano
45.133 0,1
Ambienta-lista
37.656 0,1
Nuova Sicilia
33.437 0,1
No euro
30.515 0,1
Patto per la Sicilia
20.833 0,1
Partito Liberale Italiano
15.762 0,0
Forza Italia – AN
11.505 0,0
Patto Crist. Esteso
9.730 0,0
Riformatori Liberali
7.668 0,0
Sos Italia
4.963 0,0
Totale CDL – Berlusconi 17.359.754 49,9 155
Totale Altri 307.344 0,9

Written by sistemielettorali

15 aprile 2008 at 09:20

Elezioni politiche 2006 Camera – Italia

leave a comment »

Camera dei deputati

Risultati elettorali del 9–10 Aprile 2006 per la Camera dei Deputati

Coalizione

Voti

%

Seggi

Partiti dentro la coalizione

Voti

%

Seggi

L’Unione

19.002.598

49,805

340

L’Ulivo

  • Democratici di Sinistra
  • Democrazia è Libertà – La Margherita
  • Movimento Repubblicani Europei

11.930.983

31,271

220

Partito della Rifondazione Comunista

2.229.464

5,843

41

Rosa nel Pugno

  • Socialisti Democratici Italiani
  • Radicali Italiani

990.694

2,596

18

Partito dei Comunisti Italiani

884.127

2,317

16

Italia dei Valori

877.059

2,298

16

Federazione dei Verdi

784.803

2,056

15

Popolari-UDEUR

534.088

1,399

10

Partito Pensionati

333.278

0,873

0

Südtiroler Volkspartei

182.704

0,478

4

I Socialisti

115.066

0,301

0

Lista Consumatori

73.751

0,193

0

Lega per l’autonomia Alleanza Lombarda

44.589

0,116

0

Liga Fronte Veneto

21.999

0,057

0

Casa delle Libertà

18.977.843

49,740

277

Forza Italia

9.048.976

23,717

137

Alleanza Nazionale

4.707.126

12,337

71

UDC

2.580.190

6,762

39

Lega Nord-MPA

  • Lega Nord
  • Movimento per l’Autonomia

1.747.730

4,580

26

DC-Nuovo PSI

  • Democrazia Cristianaper le Autonomie
  • Nuovo PSI

285.474

0,748

4

Alternativa Sociale

  • Azione Sociale
  • Fronte Sociale Nazionale
  • Forza Nuova

255.354

0,669

0

Fiamma Tricolore

230.506

0,604

0

No Euro

58.746

0,153

0

Pensionati Uniti

27.550

0,072

0

Ambienta-Lista-Ecologisti Democratici

17.145

0,044

0

Partito Liberale Italiano

12.265

0,032

0

S.O.S. Italia

6.781

0,017

0

Altri Partiti

0

Progetto Nordest

92.002

0,241

0

Die Freiheitliche

17.183

0,045

0

Terzo Polo

16.174

0,042

0

IRS

11.648

0,030

0

Sardigna Natzione

11.000

0,028

0

Solidarietà

5.814

0,015

0

Per il SUD

5.130

0,013

0

Movimento Democratico Siciliano-Noi Siciliani

5.003

0,013

0

Movimento Triveneto

4.518

0,011

0

Dimensione Christiana

2.489

0,006

0

Destra Nazionale

1.093

0,002

0

Lega Sud

848

0,002

0

Totale

617

38.151.407

100

617

Risultati elettorali del 9–10 Aprile 2006 per la Camera dei Deputati Collegio uninominale Valle d’Aosta

Partito

Voti

%

Seggi

Autonomie Liberté Democratie

34.167

43,437

1

Vallée d’Aoste Autonomie – Progrès Fédéralisme

24.118

30,662

0

FI-AN

13.372

17

0

UDC

2.282

2,901

0

Alternativa Sociale

1.587

2,017

0

Lega Nord Vallée d’Aoste

1.566

1,990

0

Partito Pensionati

1.135

1,442

0

Fiamma Tricolore

430

0,546

0

Totale

78.657

100

1

Risultati elettorali del 9–10 Aprile 2006 per la Camera dei Deputati Circoscrizione Estero

Coalizione

Voti

%

Seggi

Partiti dentro la coalizione

Voti

%

Seggi

L’Unione

459.454

47,102

7

L’Unione

  • Democratici di Sinistra
  • Democrazia è Libertà – La Margherita
  • Movimento Repubblicani Europei
  • Rifondazione Comunista
  • Partito dei Comunisti Italiani
  • Verdi
  • Rosa nel Pugno

422.330

43,297

6

Italia dei Valori

27.432

2,812

1

Popolari-UDEUR

9.692

0,993

0

Casa delle Libertà

369.952

37,925

4

Forza Italia

202.407

20,750

3

Per l’Italia nel Mondo con Tremaglia

73.289

7,513

1

UDC

65.794

6,745

0

Lega Nord

20.227

2,073

0

Alternativa Sociale

7.102

0,728

0

Fiamma Tricolore

1.133

0,116

0

Altri Partiti

1

Associazioni Italiane in Sud America

102.780

10,537

1

USEI

14.283

1,464

0

Partito degli Italiani nel Mondo

11.274

1,155

0

L’Altra Sicilia – per il Sud

10.848

1,112

0

Alternativa Indipendente Italiani all’Estero

3.474

0,356

0

Amare l’Italia

3.349

0,343

0

Totale

12

975.414

100

12

Fonte:Archivio storico del Ministero degli Interni

Written by sistemielettorali

15 aprile 2008 at 09:13

La legge elettorale italiana

leave a comment »

La legge n° 270 del 21 dicembre 2005 è una legge elettorale italiana sostituisce le leggi 276 e 277 del 1993 (c.d. Mattarellum), introducendo un sistema quasi totalmente differente. Fu approvata con i voti della maggioranza parlamentare (principalmente Forza Italia, Alleanza Nazionale, Unione dei democratici cristiani, Lega Nord), senza il consenso dell’opposizione (principalmente Democratici di Sinistra, Margherita, Rifondazione comunista), che l’ha duramente criticata e contrastata. Ha modificato il precedente meccanismo misto, per 3/4 a ripartizione maggioritaria dei seggi, in favore di un sistema proporzionale corretto, a coalizione, con premio di maggioranza ed elezione di più parlamentari contemporaneamente in collegi estesi, senza possibilità di indicare preferenze.

Si è votato con questa legge alle elezioni del 2006, ed essa è in vigore per lo svolgimento anche per le elezioni del 2008.

Su di essa sono pendenti 3 referendum abrogativi, inizialmente fissati per il 18 maggio 2008, poi rimandati al 2009 per lo scioglimento anticipato delle Camere, avvenuto il 6 febbraio 2008.

 

Caratteristiche principali

Punti salienti della legge sono:

– Abolizione dei collegi uninominali: l’elettore precedentemente poteva votare su due schede per la Camera dei Deputati e una scheda per il Senato, mentre la parte proporzionale alla Camera veniva espressa con la seconda scheda, dando la possibilità di scegliere una lista, al Senato si procedeva a un recupero su base regionale fra i non eletti all’uninominale.
– Liste bloccate: con l’attuale sistema, replicante quello in vigore per la quota proporzionale prevista dal precedente Mattarellum, l’elettore si limita a votare solo per delle liste di candidati, senza la possibilità, come si verifica tuttora per le elezioni europee, regionali e comunali, d’indicare preferenze. L’elezione dei parlamentari dipende quindi completamente dalle scelte e dalle graduatorie stabilite dai partiti.
– Premio di maggioranza: viene garantito un minimo di 340 seggi alla Camera dei Deputati alla coalizione che ottiene la maggioranza relativa dei voti. Da notare che 12 seggi, assegnati alla circoscrizione Esteri, sono contemplati a parte, come anche il seggio della Valle d’Aosta. I voti della Valle d’Aosta[3] e degli italiani all’estero non sono calcolati nemmeno nella determinazione della coalizione vincente. Per quanto concerne il Senato, il premio di maggioranza è invece garantito su base regionale[4], in modo da assicurare alla coalizione vincente in una determinata regione almeno il 55% dei seggi ad essa assegnati. In Molise (2 seggi) e all’estero (6 seggi) non è previsto alcun premio di maggioranza al Senato; nelle altre regioni alle elezioni politiche italiane del 2008 la coalizione vincente otterrà almeno 12 seggi su 22 in Piemonte, 26 su 47 in Lombardia, 13 su 25 in Veneto, 4 su 7 in Friuli-Venezia Giulia, 5 su 8 in Liguria, 12 su 21 in Emilia Romagna, 10 su 18 in Toscana, 4 su 7 in Umbria, 5 su 8 nelle Marche, 15 su 27 in Lazio, 4 su 7 in Abruzzo, 17 su 30 in Campania, 12 su 21 in Puglia, 4 su 7 in Basilicata, 6 su 10 in Calabria, 14 su 26 in Sicilia, 5 su 9 in Sardegna. In Valle d’Aosta, cui è assegnato un solo seggio, il sistema elettorale è forzatamente uninominale, come pure in Trentino-Alto Adige per 6 dei 7 seggi assegnati alla Regione.
– Programma elettorale e capo della forza politica: la legge prevede l’obbligo, contestualmente alla presentazione dei simboli elettorali, per ciascuna forza politica di depositare il proprio programma e di indicare il proprio capo.
– Coalizioni: la legge prevede la possibilità di apparentamento reciproco fra più liste, raggruppate così in coalizioni. Il programma ed il capo della forza politica, in caso di coalizione, devono essere unici: in questo caso viene assunta la denominazione di Capo della coalizione. Egli tecnicamente non è candidato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, poiché spetta al Presidente della Repubblica la nomina a quell’incarico.
Soglie di sbarramento: per ottenere seggi alla Camera, ogni coalizione deve ottenere almeno il 10% dei voti nazionali; per quanto concerne le liste non collegate la soglia minima viene ridotta al 4%. La stessa soglia viene applicata alle liste collegate ad una coalizione che non ha superato lo sbarramento. Le liste collegate ad una coalizione che abbia superato la soglia prescritta, partecipano alla ripartizione dei seggi se superano il 2% dei voti, o se rappresentano la maggiore delle forze al di sotto di questa soglia. Al Senato le soglie di sbarramento (da superare a livello regionale) sono pari al 20% per le coalizioni, 3% per le liste coalizzate, 8% per le liste non coalizzate e per le liste che si sono presentate in coalizioni che non abbiano conseguito il 20%. Questo metodo ricorda quello della legge elettorale usata in Toscana, che prevede simili sbarramenti.
– Minoranze linguistiche: le liste delle minoranze linguistiche riconosciute coalizzate o non, potranno comunque accedere al riparto dei seggi per la Camera dei Deputati ottenendo almeno il 20% dei voti nella circoscrizione in cui concorrono. Come già descritto, per il Senato della Repubblica è stato previsto che 6 dei 7 seggi spettanti al Trentino-Alto Adige siano assegnati tramite collegi uninominali, mantenendo in quest’unica Regione il meccanismo previsto dal previgente Mattarellum.
Sono inoltre previste per la prima volta delle circoscrizioni estere, che permetteranno di eleggere 12 seggi alla Camera dei Deputati (6 in Europa, 3 in America Meridionale, 2 in America Settentrionale e Centrale, 1 in Africa, Asia, Oceania e Antartide) e 6 seggi al Senato della Repubblica (2 in Europa, 2 in America Meridionale, 1 in America Settentrionale e Centrale e 1 in Africa, Asia, Oceania e Antartide).
Schema logico

I passaggi logici in base al quale la legge in oggetto assegna i 617 seggi in palio alla Camera dei Deputati per il Collegio unico nazionale sono quelli di seguito riportati:

1-si determinano i voti validi, assommando le schede votate depurate da quelle bianche e nulle;
2-si determinano le coalizioni che abbiano superato la soglia del 10% dei voti validi;
3-tra le liste che non facciano parte di coalizioni che rispettino il punto 2, si determinano quelle che abbiano superato la soglia del 4% dei voti validi;
4-tra le liste che non facciano parte di coalizioni che rispettino il punto 2, e che si siano presentate unicamente in Trentino-Alto Adige o unicamente in Friuli-Venezia Giulia, si individuano quelle che abbiano superato il 20% dei voti nella propria Regione;
5-tutti i voti espressi per liste che non rispettino nessuna delle clausole previste al punto 2 o al 3 o al 4, sono definitivamente eliminati in quanto voti inefficaci;
6-si procede ad una ripartizione virtuale dei seggi utilizzando il metodo Hare del quoziente naturale e dei più alti resti: a tal fine, il dividendo è rappresentato dalla somma dei voti efficaci di cui al punto 5, il divisore è pari a 617, il quoziente viene considerato nella sola parte intera. Si badi che, per il momento, i voti delle coalizioni di cui al punto 2 sono utilizzati in blocco, senza alcun riguardo alla suddivisione fra le singole liste ricomprese;
7-se in base al conteggio di cui al punto 6, la coalizione più votata si è vista attribuire almeno 340 seggi, il calcolo virtuale effettuato diviene reale e definitivo;
8-se in base al conteggio di cui al punto 6, la coalizione più votata non ha raggiunto la soglia di 340 seggi, questi le vengono assegnati d’ufficio;
9-nel caso di cui al punto 8, si procede al ricalcolo reale e definitivo dei seggi attribuiti alle minoranze, procedendo nella stessa maniera di cui al punto 6, ma utilizzando come dividendo la differenza fra i voti efficaci e i voti ottenuti dalla coalizione di maggioranza, e come divisore la cifra di 277;
10-si procede quindi alla suddivisione interna dei seggi attribuiti alla coalizione di maggioranza e a quelle di minoranza, assegnandoli alle singole liste componenti. A tal fine, vengono considerate unicamente le liste che abbiano ottenuto il 2% dei voti validi di cui al punto 1, oppure che siano, all’interno di ciascuna coalizione, la lista più votata fra quelle che non abbiano raggiunto il 2%, oppure che abbiano superato il 20% dei voti in Trentino-Alto Adige o in Friuli-Venezia Giulia, se si sono presentate unicamente in una di quelle due Regioni;
per l’individuazione dei seggi da attribuire alle liste abbiano rispettato almeno una delle clausole di sbarramento di cui al punto 10, si procede in modo simile al meccanismo di cui al punto 6, utilizzando come dividendo i voti della singola coalizione, e come divisore i seggi attribuiti alla coalizione in base ai punti 7, 8 e 9;
11-la distribuzione dei 617 seggi della Camera fra le singole liste è ora definitiva. La legge suddivide i seggi guadagnati da ogni lista fra le circoscrizioni, in proporzione ai voti ottenuti da ogni lista locale. Nel compiere tale riparto, essendo fisso ed immutabile il numero totale di seggi assegnati ad ogni lista, può verificarsi la necessità di variare il numero di seggi originariamente attribuiti alle singole circoscrizioni elettorali.
Ai 617 seggi così assegnati, si unisce quello uninominale attribuito alla Valle d’Aosta, e i 12 seggi appannaggio dei cittadini italiani all’estero, sudddivisi col metodo proporzionale e possibilità di voto di preferenza. La composizione della Camera dei Deputati è così delineata.

Per quanto riguarda il Senato, la ripartizione avviene a livello regionale con uno schema del tutto simile a quello previsto per la Camera. Rispetto al meccanismo sopra illustrato e relativo a Montecitorio, quello individuante la composizione di Palazzo Madama si discosta nei seguenti punti:

1-il conteggio dei voti è effettuato per ogni singola Regione, e nessuna valenza ha la sommatoria nazionale dei voti delle liste politiche;
2-la soglia di cui al punto 2 è elevata al 20% dei voti validi;
3-la soglia di cui al punto 3 è elevata all’8% dei voti validi;
4-la suddivisione dei seggi avviene in base al numero di scranni, costituzionalmente immodificabile, assegnato a ciascuna Regione, mentre il premio di maggioranza regionale è fissato al 55% dei seggi;
5-in deroga a quanto appena affermato, in Molise non è previsto premio di maggioranza;
6-la soglia di sbarramento di cui al punto 10 diviene unica ed individuata nel 3% dei voti validi.
Il seggio della Valle d’Aosta è attribuito in maniera uninominale, come pure quelli riservato agli italiani risiedenti in Nordamerica e in Asia-Africa-Oceania. I due seggi attribuiti ai residenti in Europa e in Sudamerica vengono assegnati con metodo proporzionale e voto di preferenza. In Trentino-Alto Adige, mantenendo il previgente Mattarellum, sono istituiti 6 collegi uninominali, 3 in Trentino e 3 in Alto Adige, mentre un seggio è attribuito sommando a livello regionale i voti dei candidati perdenti che abbiano dichiarato di collegarsi in una lista, individuando la lista più votata, ed attribuendo il seggio al candidato miglior perdente all’interno di tale lista.

Legge 21 dicembre 2005, n. 270  http://www.parlamento.it/parlam/leggi/05270l.htm

 

Risultati elettorali

Camera dei deputati

Risultati elettorali del 9–10 Aprile 2006 per la Camera dei Deputati
Coalizione Voti % Seggi Partiti dentro la coalizione Voti % Seggi
L’Unione 19.002.598 49,805 340 L’Ulivo

11.930.983 31,271 220
Partito della Rifondazione Comunista 2.229.464 5,843 41
Rosa nel Pugno

990.694 2,596 18
Partito dei Comunisti Italiani 884.127 2,317 16
Italia dei Valori 877.059 2,298 16
Federazione dei Verdi 784.803 2,056 15
Popolari-UDEUR[7] 534.088 1,399 10
Partito Pensionati 333.278 0,873 0
Südtiroler Volkspartei[8][9] 182.704 0,478 4
I Socialisti[10] 115.066 0,301 0
Lista Consumatori[11] 73.751 0,193 0
Lega per l’autonomia Alleanza Lombarda[12] 44.589 0,116 0
Liga Fronte Veneto[13] 21.999 0,057 0
Casa delle Libertà 18.977.843 49,740 277 Forza Italia 9.048.976 23,717 137
Alleanza Nazionale 4.707.126 12,337 71
UDC 2.580.190 6,762 39
Lega NordMPA

1.747.730 4,580 26
DCNuovo PSI[7][14]

285.474 0,748 4
Alternativa Sociale

255.354 0,669 0
Fiamma Tricolore 230.506 0,604 0
No Euro[15] 58.746 0,153 0
Pensionati Uniti[16] 27.550 0,072 0
Ambienta-Lista-Ecologisti Democratici[17] 17.145 0,044 0
Partito Liberale Italiano[18] 12.265 0,032 0
S.O.S. Italia[19] 6.781 0,017 0
Altri Partiti     0 Progetto Nordest[20] 92.002 0,241 0
Die Freiheitlichen[9] 17.183 0,045 0
Terzo Polo[21] 16.174 0,042 0
IRS[22] 11.648 0,030 0
Sardigna Natzione[22] 11.000 0,028 0
Solidarietà[23] 5.814 0,015 0
Per il SUD[24] 5.130 0,013 0
Movimento Democratico SicilianoNoi Siciliani[25] 5.003 0,013 0
Movimento Triveneto[26] 4.518 0,011 0
Dimensione Christiana[27] 2.489 0,006 0
Destra Nazionale[28] 1.093 0,002 0
Lega Sud[29] 848 0,002 0
Totale     617   38.151.407 100 617

Risultati elettorali del 9–10 Aprile 2006 per la Camera dei Deputati
Collegio uninominale Valle d’Aosta

Partito Voti % Seggi
Autonomie Liberté Democratie[30] 34.167 43,437 1
Vallée d’Aoste Autonomie – Progrès Fédéralisme 24.118 30,662 0
FIAN[31] 13.372 17 0
UDC[31] 2.282 2,901 0
Alternativa Sociale[31] 1.587 2,017 0
Lega Nord Vallée d’Aoste[31] 1.566 1,990 0
Partito Pensionati[30] 1.135 1,442 0
Fiamma Tricolore[31] 430 0,546 0
Totale 78.657 100 1
Risultati elettorali del 9–10 Aprile 2006 per la Camera dei Deputati
Circoscrizione Estero
Coalizione Voti % Seggi Partiti dentro la coalizione Voti % Seggi
L’Unione 459.454 47,102 7 L’Unione

422.330 43,297 6
Italia dei Valori[32] 27.432 2,812 1
Popolari-UDEUR[33] 9.692 0,993 0
Casa delle Libertà 369.952 37,925 4 Forza Italia 202.407 20,750 3
Per l’Italia nel Mondo con Tremaglia 73.289 7,513 1
UDC[34] 65.794 6,745 0
Lega Nord 20.227 2,073 0
Alternativa Sociale[32] 7.102 0,728 0
Fiamma Tricolore[35] 1.133 0,116 0
Altri Partiti     1 Associazioni Italiane in Sud America[36] 102.780 10,537 1
USEI[36] 14.283 1,464 0
Partito degli Italiani nel Mondo[32] 11.274 1,155 0
L’Altra Sicilia – per il Sud[32] 10.848 1,112 0
Alternativa Indipendente Italiani all’Estero[35] 3.474 0,356 0
Amare l’Italia[32] 3.349 0,343 0
Totale     12   975.414 100 12

Fonte:Archivio storico del Ministero degli Interni


Senato della Repubblica

 

Vittorie regionali delle coalizioni e seggi garantiti.

Vittorie regionali delle coalizioni e seggi garantiti.

  • Legenda

In rosso le vittorie regionali dell’Unione, in blu quelle della Casa delle Libertà.
Su ogni Regione vengono indicati i seggi garantiti alla coalizione vincitrice. Superando elettoralmente tale soglia garantita, in Lombardia il centro-destra guadagnò un 27° seggio, mentre in Toscana fu il centro-sinistra a strappare un 11° eletto.
In Valle d’Aosta il collegio è uninominale e non c’è rappresentanza delle minoranze.
In Trentino-Alto Adige si vota con sei collegi uninominali ed uno proporzionale: risultarono eletti cinque esponenti dell’Unione e due della Casa delle Libertà.
In Molise si vota col sistema proporzionale senza premio di maggioranza.

Risultati elettorali del 9–10 Aprile 2006 per il Senato della Repubblica
Coalizione Voti % Seggi Partiti dentro la coalizione Voti % Seggi
L’Unione 16.725.077 48,958 148 Democratici di Sinistra[37] 5.977.313 17,497 62
Democrazia è Libertà – La Margherita[37] 3.664.622 10,727 39
Partito della Rifondazione Comunista 2.518.624 7,372 27
Insieme con L’Unione

1.423.226 4,166 11
Italia dei Valori 986.046 2,886 4
Rosa nel Pugno

851.875 2,493 0
Popolari-UDEUR[38] 476.938 1,396 3
Partito Pensionati 340.279 0,996 0
I Socialisti[39] 126.625 0,370 0
Lega Alleanza Lombarda[40] 90.943 0,266 0
Lista Consumatori[41] 72.139 0,211 1
L’Ulivo[42] 59.499 0,174 1
Partito Socialista Democratico Italiano[43] 57.339 0,167 0
Movimento Repubblicani Europei[44] 51.001 0,149 0
Liga Fronte Veneto[45] 23.209 0,067 0
Democratici Cristiani Uniti[46] 5.399 0,015 0
Casa delle Libertà 17.153.256 50,212 153 Forza Italia 8.201.688 24,008 78
Alleanza Nazionale 4.234.693 12,396 41
UDC[37] 2.309.174 6,759 21
Lega NordMovimento per l’Autonomia[47]

1.530.366 4,479 13
Alternativa Sociale

214.617 0,628 0
Fiamma Tricolore 204.473 0,598 0
DCNuovo PSI[48]

190.724 0,558 0
Pensionati Uniti[49] 61.824 0,180 0
Partito Repubblicano Italiano[50] 45.133 0,132 0
Ambienta-Lista – Ecologisti Democratici[51] 37,656 0.11 0
Nuova Sicilia[52] 33.437 0,097 0
No Euro[53] 30.515 0,089 0
Patto per la Sicilia [52] 20.833 0,060 0
Partito Liberale Italiano[54] 15.762 0,046 0
Patto Cristiano Esteso[52] 9.730 0,028 0
Riformatori Liberali[55] 7.668 0,022 0
S.O.S. Italia[56] 4.963 0,014 0
Altri Partiti     0 Progetto Nordest[57] 93.159 0,272 0
Alleanza Siciliana [52] 36,160 0.10 0
Partito Comunista Italiano Marxista-Leninista [58] 26.029 0,076 0
Pensioni e Lavoro[40] 19.765 0,057 0
Partito Sardo d’Azione[22] 16.735 0,048 0
Terzo Polo[59] 13.338 0,039  
Forza Roma[60] 13.320 0,038  
IRS[22] 10.693 0,031  
Per il SUD[61] 9.993 0,029  
Sardigna Natzione[22] 8.409 0,024  
Movimento Triveneto[45] 7.433 0,021  
Movimento Democratico SicilianoNoi Siciliani[52] 6.589 0,019  
Solidarietà[62] 5.425 0,015  
Partito Donne d’Europa[60] 4.213 0,012  
Movimento Idea Sociale[63] 3.030 0,008  
Lega Sud[58] 2.496 0,007  
Dimensione Christiana[63] 2.435 0,007  
Italia Moderata[64] 2.080 0,006  
Unione Federalista Meridionale[58] 1.969 0,005  
Totale     301   34.161.604 100 301
Risultati elettorali del 9–10 Aprile 2006 per il Senato della Repubblica
N°6 collegi uninominali Trentino-Alto Adige
Partito Voti % Seggi Partiti dentro la coalizione Voti % Seggi
L’Unione 359.688 62,690 5 L’UnioneSVP 198.153 34,538 3
Südtiroler Volkspartei 117.500 20,479 2
L’Unione 27.629 4,814 0
Partito Pensionati 16.406 2,859 0
Casa delle Libertà 189.955 33,108 2 Casa delle Libertà 175.137 30,526 2
Fiamma Tricolore 14.818 2,582 0
Altri Partiti     0 Die Freiheitlichen 16.746 2,918 0
Unione Popolare Autonomista 7.327 1,277 0
Totale     7   573.716 100 7
Risultati elettorali del 9–10 Aprile 2006 per il Senato della Repubblica
Collegio uninominale Valle d’Aosta
Partito Voti % Seggi
Autonomie Liberté Democratie[30] 32.553 44,160 1
Vallée d’Aoste Autonomie – Progrès Fédéralisme 23.573 31,978 0
FIAN[31] 11.505 15,607 0
UDC[31] 2.274 3,084 0
Lega Nord Vallée d’Aoste[31] 1.573 2,133 0
Partito Pensionati[30] 1.046 1,418 0
Alternativa Sociale[31] 775 1,051 0
Fiamma Tricolore[31] 416 0,564 0
Totale 73.715 100 1
Risultati elettorali del 9–10 Aprile 2006 per il Senato della Repubblica
Circoscrizione Estero
Coalizione Voti % Seggi Partiti dentro la coalizione Voti % Seggi
L’Unione 426.544 48,473 4 L’Unione

387.145 43,997 4
Italia dei Valori[32] 26.134 2,969 0
Popolari-UDEUR[65] 13.265 1,507 0
Casa delle Libertà 369.952 37,925 1 Forza Italia 185.438 21,074 1
Per l’Italia nel Mondo con Tremaglia 63.474 7,213 0
UDC[66] 57.200 6,500 0
Lega Nord 18.455 2,097 0
Fiamma Tricolore[35] 8.433 0,958 0
Altri Partiti     1 Associazioni Italiane in Sud America[36] 84.507 9,603 1
USEI[36] 12.271 1,394 0
Partito degli Italiani nel Mondo[32] 10.791 1,226 0
L’Altra Sicilia – per il Sud[32] 9.512 1,080 0
Alternativa Indipendente Italiani all’Estero[67] 3.308 0,375 0
Totale     6   879.933 100 6

Fonte:Archivio storico del Ministero degli Interni


Written by sistemielettorali

14 aprile 2008 at 20:42